sabato 29 gennaio 2011

"Timeo hominem unius libri".

"Timeo hominem unius libri" (letteralmente "Temo l'uomo di un solo libro") è una locuzione latina attribuita a San Tommaso d'Aquino e può significare due distinti messaggi: 
"Meglio studiare solo un argomento (libro) in modo approfondito, piuttosto che tanti, ma superficialmente". Da qui "temere" come riconoscimento di un interlocutore preparato su un solo argomento.
Più spesso l'aforisma è visto come una critica a chi si limita ad una sola fonte di conoscenza o ha una erudizione limitata, nella traduzione "Diffida di chi ha letto un solo libro!".
La vastità di conoscenze e la pluralità delle fonti di Tommaso d'Aquino fa propendere per questa seconda interpretazione come più vicina al senso originale della frase.
Ma l'interpretazione è controversa ed aperta alle soluzioni più varie e
variegate.
Fatto si è che mi richiama alla mente un fatto realmente accaduto.
Qualcuno, improvvidamente, voleva regalare ad un mio amico un libro.
Quello rispose, quasi piccato: "grazie, no! Ne ho già uno a casa". (Sic!)

Nessun commento:

Posta un commento